Cosa Sono


Cosa sono i Sassi di Matera, perché si chiamano così e come si dividono i quartieri del centro storico.

cosa sono i sassi di matera

 

Cosa Sono i Sassi di Matera

Così denominati, i Sassi sono le antiche abitazioni di Matera ricavate scavando la tenera roccia di calcarenite.

E da secoli hanno costituito l’agglomerato urbano divenuto oggi il centro storico.

Hanno la forma di due mezzi coni in cui nella parte più alta al centro domina la Cattedrale del 1200.

Forse per la loro conformazione o per l’evoluzione urbanistica perfettamente integrata con la natura, i famosi Sassi hanno con gli anni mantenuto un aspetto differente da altri centri storici.

Una volta entrati nella città vecchia si ha la reale percezione di questi luoghi, quasi fatati.

La sensazione di tornare indietro nel tempo, di immergersi in un paesaggio nuovo, come già conosciuto.

Qui la mente si distende per lasciare spazio a ricordi immaginari.

come sono divisi i sassi di matera

Come sono divisi

Si dividono in tre zone principali:

  1. il Sasso Barisano, a Nord
  2. il Sasso Caveoso, a Sud
  3. la Civita nella parte Centrale

il sasso barisano

Il Barisano

Il Sasso Barisano si distribuisce nella parete settentrionale della Gravina in corrispondenza della via Santo Stefano e si prolunga sino all’incrocio tra via Madonna delle Virtù e via Fiorentini.

Si trova vicino al rione Piccianello, uno dei quartieri storici progettati con la riforma del 1950.

Taluni attribuiscono l’origine del nome al fatto che il quartiere Barisano si trovi verso Bari e Altamura, due città appunto a nord di Matera.

Ma la storia antica ci riconduce all’appellativo di un patrizio romano: Varisius.

Presenta ambienti abitativi più costruiti che scavati, e si affaccia al Canyon della Gravina di fronte all’altopiano rupestre di Santa Maria degli Angeli.

sasso caveoso

Il Caveoso

Il Sasso Caveoso invece [read more=”continua” less=”riduci”]si trova in corrispondenza di via Casalnuovo, parallela di una delle principali arterie stradali materane, via Lucana.

Completamente sgomberato al periodo della Riforma, è rimasto oggi identico a com’era in quegli anni.

Rispetto al Barisano le case del Sasso Caveoso sono quasi tutte grotte scavate nella roccia.

Dal cui ingresso a volte fuoriescono muri di tufo, costruiti per ingrandire gli spazi interni, che si appoggiavano direttamente alla cavità naturale.

L’agglomerato di case del Caveoso termina nel rione dei Cappuccini, all’estremo sud del paese, e si affaccia ad uno dei patrimoni rupestri più ricchi di tutta Italia.

Tra il quartiere di Agna e la provincia di Montescaglioso, infatti, si distende l’area più avvincente del Parco della Murgia Materana.

Un must per gli amanti delle escursioni e dell’arte rupestre.

il rione civita di matera

La Civita

Ed infine la collina della Civita.

In posizione imperante, il quartiere del duomo di Matera è il più piccolo, ma davvero ammaliante per diversi motivi.

Da piazza Duomo ci sono affacci e prospettive dei Sassi più da dipingere che da fotografare.

In qualsiasi punto ci spostiamo avremo un profilo diverso e irripetibile allo stesso tempo di quello che stiamo osservando.[/read]

Può essere utile la guida in pdf.

Oppure se desideri conoscere i percorsi e gli itinerari cittadini, puoi andare alla mappa.

Ricorda che c’è sempre Uccio, per approfondire la ricerca in maniera adeguata e suggerire come visitare i Sassi di Matera senza perderti nulla.